NOICATTARO

Noicàttaro (sino al 1862 Noja) è un comune di 25.999 abitanti della provincia di Bari, in Puglia. Capitale e centro di produzione e trasformazione dell’uva da tavola. dista 16 km dal capoluogo in direzione sud-est e 6 km dalla costa adriatica.

mappa

Il territorio comunale parte da un’altitudine di 20 m s.l.m. e inizia a salire dolcemente verso il centro abitato che si trova a 99-100 m s.l.m., poi prosegue in direzione Casamassima fino ad arrivare ad un’altitudine di 165 m s.l.m.: quindi il territorio nojano, caratterizzato da doline e piccoli avvallamenti, può considerarsi il primo gradino delle Murge. Le lame (Lama San Giorgio e Lama Giotta) lambiscono il territorio comunale da nord a sud.

l territorio comunale è stato abitato sin da tempi molto remoti. Il centro storico del paese sorge in prossimità della diramazione della Via Traiana che congiungeva Brindisi e Benevento, proseguendo poi sino a Roma sul tracciato della Via Appia.
Nella fascia costiera del territorio di Noicàttaro sono state rinvenute tracce della presenza umana risalenti in alcuni casi al Neolitico; invece nell’entroterra, verosimilmente lungo il tracciato dell’antica viabilità, sono state scoperte necropoli risalenti ad epoca preromana, fra le quali la sepoltura di un guerriero databile intorno al VI secolo a.C.; il prezioso corredo funerario scoperto è conservato nel museo archeologico di Bari.
Il paese attuale nasce tra l’XI e il XII secolo come piccolo villaggio (“Locus Noa“) cinto da mura e protetto da una torre feudale e da una chiesa, attorno alla quale si disponevano le abitazioni.

È possibile rintracciare testimonianze riguardo al primo Signore di Noa, Goffredo di Conversano, un normanno nipote di Roberto il Guiscardo. Cornelio de Vulcano è il primo conte di Noa. Nel 1592 il feudo fu acquistato dai Carafa, ramo della Stadera, che mantennero il titolo di duchi di Noja fino alle leggi eversive della feudalità del 1806. Il titolo nominale di conte di Noja passò alla famiglia spagnola Perez Navarrete e alla discendente famiglia Longo de Bellis di Napoli.

Nei secoli, forse per un influsso spagnolo, andò consolidandosi la tradizione della penitenza e della flagellazione quaresimale, elementi tuttora vivi nei riti della settimana Santa noiana. Il 23 novembre del 1815 moriva un giardiniere chiamato Liborio Didonna: si trattava della prima vittima di una devastante epidemia di peste bubbonica che sarebbe passata alla storia come l’ultimo, grande episodio dell’intera Europa occidentale. L’intero paese fu isolato dai limitrofi mediante lo scavo di un enorme solco al di là dei suoi confini. Alla fine del contagio si contarono quasi 800 morti su una popolazione di 5000 abitanti.

In segno di rinnovamento dopo l’Unità d’Italia e per evitare l’omonimia con un comune lucano (che a sua volta mutò il proprio poleonimo in Noepoli), il paese cambiò nome (23 ottobre 1862) da Noja (l’antica Noa) in Noicàttaro.

Nel 1934 la fascia costiera del territorio del comune di Noicàttaro, corrispondente all’attuale Torre a Mare, venne annessa al comune di Bari.

Continua a leggere su Wikipedia…wiki